Senza titolo

Passi morbidi

tra colori rossi e gialli,

tra le chiazze di nebbia che dipanano i suoni

e, cullando i pallidi lumi,

galleggiano…

tra le fronde ombrose,

tra le tenui sporgenze di me

trasportate piano da silenzi rotti

solo dall’umano ascoltare

mi areno…

mi appoggio piano all’immensit√†,

mi distendo.

Che sia solo questo respiro,

questo solo, di me,

tra gli odori di umida corteccia,

il cinguettare del passero

e foglie….

Questa voce è stata pubblicata in Scritti. Contrassegna il permalink.